Warning: Declaration of QuietSkin::feedback($string) should be compatible with WP_Upgrader_Skin::feedback($string, ...$args) in /web/htdocs/www.veronicaolivier.com/home/wp-content/plugins/ocean-extra/includes/wizard/classes/QuietSkin.php on line 12
“Please make it disappears” - Veronica Olivier Privacy Policy

"Please make it disappears"

Per favore fallo sparire!

By VERONICA OLIVIER

Per chi non ha mai sentito questa frase, questo è il mantra che usano nella meditazione della Corea del sud. Woo Myung ha portato alla luce un metodo che potesse liberare la mente umana da tutto, renderla un foglio bianco. Dal momento che nasciamo collezioniamo immagini di tutto quello viviamo in prima persona. Fotografiamo e imprimiamo nella nostra mente anche tutto quello che non ci riguarda personalmente, quello che le persone fanno e dicono, quello che sentiamo alla radio, quello che vediamo al telegiornale e quello che ci raccontano di altri. Ne consegue che la nostra collezione di fotografie diventa la nostra realtà e sovrapponiamo l’immagine che abbiamo di quest’ultima alla realtà stessa. In poche parole possiamo dire che quello che i nostri occhi vedono è un surrogato della realtà stessa. Per essere ancora più chiari vi faccio un esempio: Se qualcuno si comporta nei nostri confronti in un modo che non ci piace o ci fa star male, è perché diamo un preciso “ significato” negativo all’evento. Ogni volta che stiamo male e non siamo felici ci disconnettiamo da noi stessi, dall’altro e dalla realtà. Suona al quanto filosofico, ma è molto più pratico di quello che si può pensare. A questo punto qualcuno potrebbe sicuramente pensare che vivere in un mondo dove si soffre o si è tristi è la normalità e che fa parte della vita. Dopo aver praticato la meditazione di cui vi sto parlando, penso che soffrire nella vita non è la regola. Comunque , tornando all’esempio, quando leggiamo un evento in un certo modo “ negativo” è perché lo leggiamo con il grande bagaglio di esperienza che la vita ci ha regalato. Se ci pensate quando nasciamo non abbiamo il senso di ciò che è buono e ciò che è cattivo, è qualcosa che ci viene insegnato. Quando la nostra mente analizza la realtà e legge l’evento come qualcosa di sbagliato è perché risponde a dei programmi che sono stati registrati tanti anni fa, possiamo anche chiamarlo pilota automatico. A questo proposito non posso non citare il famoso detto “ siamo il prodotto delle nostre esperienze”. Questo processo ci porta a non essere presenti e a disconnetterci, andando a “ rivivere il passato”.

“Sii semplice,

sii come un bambino,

sii un uomo che non sa niente,

lascia andare anche il cercare di sapere”

Nel momento in cui mi sono seduta nella stanza del Universo, del centro meditativo vicino Santa Monica (California) , il mio cervello si è affollato di pensieri e domande :” se fossi libera dalle mie esperienze passate cosa farei? Come vivrei la mia vita? Che rapporto avrei con le persone? In che parte del mondo sarei? Che persona sarei?
La cosa mi ha alquanto incuriosita e ho deciso di provare , in fondo non avevo nulla da perdere.
Ho iniziato questo percorso sensazionale più o meno sei mesi fa e sono grata per il grande valore che ha portato alla mia vita. E’ un piacere condividere con voi strumenti che possano innalzare la qualità di vita di chiunque voglia sperimentare o chiunque abbia il desiderio di essere felice e crescere!
Il fondatore ha aperto altri centri meditativi  in tutto il mondo. Di seguito il sito dove potete trovare tutte le informazioni e leggere di più su questo metodo!
http://woomyung.com/meditation-method/global-centers/location/
 Per il momento sono presenti su Roma, Milano e Genova. Offrono gratis una seduta di introduzione. Sono flessibilissimi con gli orari. Personalmente non sono stata a Milano e Genova . Una mia carissima amica sta frequentando il centro di Roma e la ragazza del centro è carica di energia e la cosa più bella è che ride sempre!
Lasciate i vostri commenti! Voglio sapere cosa ne pensate della meditazione, che tipologia di meditazione avete sperimentato e se l’avete mai provata prima. Cosa ne pensate del processo fotografico che usiamo ? E del leggere la realtà secondo le vostre esperienze e non secondo ciò che realmente sta succedendo?E’ successo anche a voi di rendervi conto che eravate in frequenza “pilota automatico”?
Vi mando un abbraccio grande!
Veronica  

 

Questo articolo ha 6 commenti.

  1. Ciao Vero! Ho letto il tuo post, mi incuriosita il tema.
    Io mi informo da molti anni riguardo alla “consapevolezza” ed alla fonte dell’energia pura in noi stessi. Speravo di trovare qualche specifica in più, ma poi ho trovato.. questo centro di cui parli è anche a Genova. Per cui.. non resta che muoversi e andare a s iprite di persona! 😉🙃 ciao! Un abbraccio

    1. Ciao!!!!!! Si , è un metodo neutro, che non coinvolge la religione. Si assolutamente, organizzano un introduzione gratis! Fammi sapere come ti trovi e se ti piace!

  2. Hey Veroo :)))) bellissimo il nuovo articolo :))) io al momento per meditare sto utilizzando un APP che si chiama headspace 😬 la conosci????

    1. Ciao!!! Grazie mille:) No non lo conosco, me lo vado a vedere! com’è?

  3. I love this! I will definitely try to practice this method! 🙂

Lascia un commento

Chiudi il menu